Thank You, Cuneo!

La gioia è un dono di Dio

Nella vita, ho constatato che Dio vuole che tutti gli uomini siano felici. Egli infatti ha creato l’uomo perché partecipasse nella sua gloriosa e gioiosa vita divina, a partire dalle esperienze forti che Egli ci fa percorre nella vita terrena. Tuttavia, tale esperienza si dà in modi diversi secondo allo stato di vita che ciascuno si sente chiamato da Dio. Per me, Daniel Omatu sdb, Nigeriano per la nascita e Cuneese per l’adozione, la vocazione alla vita consacrata, oltre il dono della vita stessa, è il più grande dono che Dio mi abbia fatto.

Perciò, non potevo essere più che contento nel giorno 13 giungo 2020, quando sono stato ordinato diacono assieme ad altri 12 miei compagni di corso da monsignor Cesare Nosiglia arcivescovo di Torino. Questa è una tappa molto importante del mio cammino verso un Salesiano Prete. Comunque, la Chiesa ci insegna che l’azione di Dio non scavalca mai l’apporto dell’uomo, nel senso che, per raggiungere i suoi figli, Dio passa attraverso la comunità, le persone o un individuo. Nel mio caso, tale mediazione è stata i Sale Cuneo che mi ha accompagnato negli ultimi tre percorsi molto significativi; lo studio della teologia, la professione dei voti perpetui, e il diaconato.

Dunque, a voi mi rivolgo, dicendovi grazie di cuore per la testimonianza di fede viva. Mi avete visto crescere fino all’adulto che il Signore desidera. Vi ringrazio per la vostra pazienza, per il lavoro di potare i rami della mia personalità sia nella dimensione della maturità intellettuale che affettiva. Che Dio Padre ricompensi ciascuno di voi secondo i propri bisogni nel cammino verso il suo regno. E mi affido di nuovo nelle vostre preghiere.