SUSSIDI PER LA PREGHIERA

In questi giorni, man mano che i giorni passano, è sempre più evidente che non possiamo sapere quando finirà questa emergenza. E c’è poco da fare, è una situazione nuova, delicata, molto delicata e che quindi comporta un discernimento prudente costante, dobbiamo avere pazienza. Le giornate sono diventate più pesanti, più rallentate, quasi in slow motion (tranne per i medici, gli infermieri e gli operatori sociali, che invece non hanno un attimo di sosta) e anche il rapporto con il Signore ovviamente ne è contagiato ed è minacciato da vecchie (le nostre solite) e nuove (quelle fresche di questi giorni) tentazioni… Proprio per tenere l’animo ancorato al Signore e per permetterci di vivere bene il cammino quaresimale, condividiamo con voi due sussidi che possono essere utili:

– Il sussidio per la quaresima delle diocesi di Cuneo e Fossano. Lo conosciamo bene perchè da ormai due anni le nostre domeniche di Avvento e Quaresima sono caratterizzate dal grande cartellone che ci ricorda lo slogan del momento liturgico insieme ai vari pezzi che si aggiungono settimana dopo settimana aiutandoci a vivere la preghiera come diocesi.

 

– Il sussidio per la preghiera domenicale in casa. Questa è una novità! I vescovi della CEI lo stanno proponendo nelle proprie diocesi per aiutare noi a vivere bene queste domeniche in cui non è possibile partecipare all’eucaristia domenicale come comunità. L’assenza dell’eucaristia domenicale oltre ad essere un evidente disagio ci rivolge una provocazione, ci offre una sfida. La fede è sempre stata comunicata principalmente all’interno del nucleo famigliare, di padre in figlio potremmo dire. E oggi? La trasmissione della fede avviene ancora nell’alveo della famiglia? Siamo capaci di parlare di Dio con i nostri famigliari? Siamo capaci di pregare insieme? Queste pagine vengono in soccorso offrendoci una guida per santificare come famiglia le domeniche di quaresima! Vi consigliamo di leggerle prima, di preparare insieme la celebrazione dividendo i ruoli, assegnando le letture, scegliendo il posto dove farla e quali segni utilizzare. Chissà che il Signore non possa parlare al nostro cuore attraverso questa liturgia domestica.

 

La comunità dei Sale rimane a disposizione per qualsiasi aiuto, buon cammino!