Proposte di canti: DOMENICA 05 luglio 2020 – 1a messa Don Alessandro Basso

Inizio: INVOCHIAMO LA TUA PRESENZA

Invochiamo la tua presenza, vieni Signor. Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi.
Vieni consolatore, dona pace ed umiltà, acqua viva d’amore questo cuore apriamo a te.

Vieni Spirito, vieni Spirito, scendi su di noi. Vieni Spirito, vieni Spirito, scendi su di noi.
Vieni su noi Maranathà, vieni su noi Spirito. Vieni Spirito, vieni Spirito, scendi su di noi.
Vieni Spirito, vieni Spirito, scendi su di noi. scendi su di noi.

Invochiamo la tua presenza, vieni Signor. Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi.
Vieni luce dei cuori, dona forza e fedeltà, fuoco eterno d’amore questa vita offriamo a te.

 

GLORIA

Gloria, gloria a Dio nell’alto dei cieli e pace in terra agli uomini che egli ama,
agli uomini da sempre amati.

 D: Ti lodiamo, Ti benediciamo, Ti adoriamo, ti glorifichiamo,
U: Ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa.
T: Signore Gesù Cristo, figlio del Padre.

U: Tu che togli i peccati del mondo, D: Tu che siedi alla destra del Padre
T: abbi pietà di noi, accogli la nostra supplica.

U: Tu solo il Santo, Tu solo il Signore, Tu che vivi con lo Spirito Santo.
Nella gloria del Padre, per tutti i secoli.
Rit + Amen

(D: Gloria a Dio nell’alto dei cieli… Gloria al Signore nei secoli, amen. Amen.)

 

PERCHE’ TU SEI CON ME

Solo tu sei il mio pastore: niente mai mi mancherà.
Solo tu sei il mio pastore, o Signore.

 Mi conduci dietro Te sulle verdi alture, ai ruscelli tranquilli lassù,
dov’è più limpida l’acqua per me, dove mi fai riposare.

Anche fra le tenebre d’un abisso oscuro, io non temo alcun male perché
Tu mi sostieni, sei sempre con me, rendi il sentiero sicuro.

Siedo alla tua tavola che mi hai preparato ed il calice è colmo per me
di quella linfa di felicità che per amore hai versato.

Sempre mi accompagnano, lungo estati e inverni, la tua grazia, la tua fedeltà.
Nella tua casa io abiterò Fino alla fine dei giorni.

 

ALLELUIA LODE COSMICA

Alleluia, alleluia! Alleluia, alleluia!
Alleluia, alleluia! Alleluia, alleluia!

Lodino il Signore i Cieli, lodino il Signor le Terre,
Lodino il suo nome in eterno perché è sublime.

 

Offertorio: IL SEME DEL TUO CAMPO

Per ogni volta che ci doni la Parola di luce, noi offriremo la pace.
Per ogni volta che ci nutre il tuo Pane di vita, noi sazieremo la fame.
Per ogni volta che ci allieta il tuo Vino di gioia, noi guariremo ferite.

Offriamo a Te, sinceramente, la vita. Benediciamo la tua pace fra noi.
Saremo l’eco del tuo canto, il seme del tuo campo,
il lievito del tuo perdono, il lievito del tuo perdono.

Non ci separa dalla fede l’incertezza del cuore, quando ci parli, Signore.
Non ci separa dall’amore la potenza del male, quando rimani con noi.
Non ci separa dall’attesa del tuo giorno la morte, quando ci tieni per mano.

 

RESTO CON TE

Seme gettato nel mondo, Figlio donato alla terra, il tuo silenzio custodirò.
In ciò che vive e che muore vedo il tuo volto d’amore: sei il mio Signore e sei il mio Dio.

Io lo so che Tu sfidi la mia morte. Io lo so che Tu abiti il mio buio
nell’attesa del giorno che verrà, resto con Te.

Nube di mandorlo in fiore dentro gli inverni del cuore, è questo pane che Tu ci dai.
Vena di cielo profondo dentro le notti del mondo, è questo vino che Tu ci dai.

Io lo so che Tu sfidi la mia morte. Io lo so che Tu abiti il mio buio
nell’attesa del giorno che verrà, resto con Te.
Tu sei Re di stellate immensità e sei Tu il futuro che verrà
sei l’amore che muove ogni realtà e Tu sei qui…
Resto con Te.

 

DELL’AURORA TU SORGI PIU’ BELLA

Dell’aurora tu sorgi più bella coi tuoi raggi a far lieta la terra
e fra gli astri che il cielo rinserra non v’è stella come te.
Gli occhi tuoi son più fondi del mare la tua fronte ha il profumo del giglio
il tuo viso ricorda tuo figlio. Suoi tuoi passi nascon fiori.

Bella tu sei qual sole, bianca più della luna e le stelle più belle non son belle come te.
E le stelle più belle non son belle come te.

 Ti coronano tutte le stelle al tuo canto risponderà il vento
della luna si curva l’argento si rivolge verso te.
Quando tutto d’intorno è rovina e la voce del pianto non tace
il tuo sguardo riporta la pace la concordia in fondo ai cuori.

 

MEDLEY A DON BOSCO

Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta, è il canto della vita
Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore perché non doni a noi?
Padre, maestro e amico, noi giovani del mondo guardiamo ancora a te!
Apri il nostro cuore a Cristo, sostieni il nostro impegno in questa società.

Oh oh oh,       oh oh oh                          Oh oh oh,      oh oh oh

Ciao amico in che piazza vai?     (giù dai colli…)
Spazi immensi, libero ora sei.    (sei venuto…)
Perché le strade oggi siano meno vuote.
Perché il sorriso tuo / resti a noi sempre.

Le tue mani stringono ancora mani.
La tua vita è forte dentro noi.
Profumo di cielo aveva il pane con te mangiato
e l’infinito in terra ha con te giocato.

E tu resta ancora qui Giovanni, resta, vivi con noi per sempre,
resta nei cuori, resta tra la gente. E tu giovani orizzonti vai nel mondo libero…

Musica

Sul tuo prato è cresciuto un nero asfalto
Ma nei cortili il tuo nome risuona ancora
Nella tua Dora scorre il fango e cresce il fumo
Ma il tuo tempio parla sempre di primavera

E come dimenticare i giorni della tua festa?
E come dimenticarti?  Non andare, resta!

Il tuo amore, il tuo sorriso, ali giovani ai tuoi occhi. Tu sei vivo per le strade,
tu sei festa nella gente. Tu in cerca di futuro canta ancora libertà.  (x 2)

U: Calzoni colore del prato, un ginocchio ammaccato per un salto in più.
D: Due piante e un filo tirato, la mela sul naso e gli amici giù.
Un pezzo di pane e una fetta di cielo, sapore di festa e tu:
Giovanni dei Becchi giullare dei campi regalo alla gioventù.

Siete tutti ladri ragazzi miei, non ho più il mio cuore ce lo avete voi,
ma non mi interessa da quest’oggi in poi ogni mio respiro sarà per voi.
Siete tutti ladri ragazzi miei, non ho più il mio cuore ce lo avete voi,
ma non mi interessa da quest’oggi in poi ogni mio respiro sarà per voi…

… Io ti direi,    con cento mille ragazzi di certo ti griderei

“Rimani accanto a noi, e se vorrai, nel mio domani Don Bosco Don Bosco rimani!”

Musica

Hai immaginato la gioia di mille cortili,
reti di cuori che ancora si stringono a te!
Hai visto tutto in un sogno, però non capivi,
ma ora se guardi lontano quel sogno vola, vola ancora

Guarda che, guarda che
che sterminato mare di mani c’è!
Saranno i figli tuoi, don Bosco,
quelli che hai chiamato con te!
Basta che, basta che
diventi luce quel Mistero ch’è in te,
saremo frecce verso il cielo nell’arco del tempo!

Siamo le mani che tu aprivi,
siamo il respiro che ci dai,
siamo le frecce verso il cielo nell’arco del tempo!

Musica

Guarda che…

Saremo frecce verso il cielo nell’arco del tempo!

Io sto con Don Bosco!