Nostro figlio Alessandro diventa prete. Il nostro percorso di genitori

Già…il giorno dell’ordinazione è arrivato. Dopo 10 anni di formazione, studio, tirocinio e spostamenti vari in  diverse realtà salesiane, Alessandro è al traguardo. Però più che per lui, al quale il diventare sacerdote è sicuramente un inizio più che un arrivo, è, per noi papà e mamma, questa celebrazione pare la conclusione di un viaggio cominciato tanto tempo fa. Ha iniziato il suo cammino con don Bosco e Maria Ausiliatrice all’età di tre anni frequentando l’asilo Galimberti. Con le suore ha imparato a conoscere l’ambiente salesiano e la prima devozione alla Madonna.

Era il 20 novembre 2009 (compleanno della mamma) quando Alessandro espresse il desiderio di entrare in noviziato sorprendendoci sicuramente. Anche se Renata ancora oggi conferma che aveva sempre avuto il  sentore di un passo del genere.
Sarà che nelle nostre famiglie la vocazione al sacerdozio era già presente  (un cugino mio e un cugino e uno zio di mia moglie) e quindi lo sentivamo come un destino già scritto.

Per noi parrocchiani del Sacro Cuore, i Salesiani erano in quegli anni e in quelli precedenti il luogo dove Alessandro andava tutti i giorni al pomeriggio a giocare e ad incontrare gli amici. Conoscemmo i vari sacerdoti che all’epoca erano a Cuneo e, soprattutto, per i ragazzi di quel tempo il mitico don Pomero. Il vero artefice di questo amore che nostro figlio provò ogni volta di più in quell’ambiente giocoso e allegro ma anche severo e rispettoso nel formare i giovani.

Alessandro iniziò il noviziato, poi andò a Nave (Brescia), poi passò in diverse case salesiane (Rebaudengo, Michele Rua, San Paolo, Asti Borgomanero e Vercelli) concludendo gli studi alla Crocetta.
Una trottola, con noi ogni volta che era possibile ad inseguirlo, conoscendo posti e persone nuove, ma essenzialmente per stare qualche momento con lui. Ecco, se qualcosa è mancato a noi, è stata la sua presenza fisica, la sua stanza sempre con la musica in sottofondo e il computer acceso; lo abbiamo però sempre visto tranquillo e convinto e quindi anche noi siamo stati certi che la strada scelta fosse quella giusta.
La nostra speranza è che svolga il suo lavoro (perchè di vero lavoro si tratta) sempre al meglio, cercando di essere esempio e traino per i giovani che incontrerà.
Sicuramente lo seguiremo ovunque con affetto e amore come è giusto che sia, e visto che pochi giorni fa ha dato un esame di latino per la laurea in lettere che sta per conseguire, gli vogliamo dire AD ASTRA PER ASPERA il cui significato è la via della virtù è lastricata di difficoltà. ma don Bosco e Maria Ausiliatrice lo sorreggeranno in ogni momento difficile. Buon sacerdozio, e un abbraccio grande, mamma e papà.