I Sale mettono a disposizione vari ambienti per le lezioni del Liceo artistico

Articolo da “La Guida” di giovedì 10 settembre

I Salesiani mettono a disposizione gli spazi parrocchiali. Lezioni del serale “condivise” per quattro istituti
Studenti del Liceo artistico musicale a lezione in cortile e in oratorio, ma per il momento niente laboratori

Cuneo – (gga). Una scuola organizzata su diverse sedi per garantire agli studenti e ai professori di tornare a scuola in sicurezza e nel pieno rispetto della normativa anti Covid. Succede al Liceo artistico musicale di Cuneo dove la mancanza di spazi già sofferta negli scorsi anni, a lungo “tamponata” grazie alla rotazione di studenti e insegnanti, è stata risolta con il dislocamento delle classi in altri locali, grazie alla collaborazione tra gli istituti superiori cittadini, la disponibilità dimostrata dai Salesiani e l’impegno della Provincia per trovare a tutti un posto in cui poter fare lezione.
“Abbiamo fatto del nostro meglio per sfruttare al massimo le potenzialità offerte dalla normativa in tema di ripartenza della scuola – spiega il dirigente scolastico dell’Istituto Bianchi-Virginio Carlo Garavagno -. Nel cortile del Liceo Ego Bianchi è in corso un cantiere che dovrebbe concludersi ad ottobre con la realizzazione di un fabbricato in edilizia leggera rialzato di 38 centimetri che ospiterà quattro aule di 60 mq. Altre quattro classi, inizialmente del Liceo musicale, faranno invece lezione nei locali messi a disposizione dall’oratorio Salesiano. A medio termine poi altri studenti si sposteranno in via Schiaparelli, ma solo quando le classi del Liceo scientifico che attualmente utilizzano l’edificio si sposteranno in via Massimo d’Azeglio. Gli studenti che non potranno usufruire della palestra scolastica faranno invece lezione alla Cuneese Tennis per un totale di 20 ore settimanali spalmate sulla mattina. Bloccati per ora i laboratori artistici che partiranno più avanti, una volta conclusi i lavori di adeguamento delle aule. Per gestire e presidiare tutti gli spazi abbiamo inoltre fatto richiesta del cosiddetto organico Covid e previsto sette varchi per l’ingresso. All’Istituto tecnico Geometri (parte insieme al Liceo Artistico Musicale dell’Istituto Bianchi-Virginio) non abbiamo invece incontrato particolari criticità in quanto la maggiore disponibilità di spazio ci ha permesso di organizzare la ripartenza in modo più semplice. Sicuramente per organizzare questo nuovo e un po’ speciale anno scolastico la sinergia e la rete con le altre scuole è stata fondamentale. Per quanto riguarda il serale, gli studenti di Geometri, Bonelli, Agraria e Alberghiero faranno tutti lezione nella sede del Bonelli, un modo per risparmiare sulle bollette e condividere, oltre che alcune ore di lezione, anche le spese per il personale Ata”.
“L’accordo tra Salesiani e Provincia è stato firmato in questi giorni e nei locali sono già stati portati i banchi per i circa 90 allievi che faranno lezione nei nostri spazi – spiega il parroco dei Salesiani don Mauro Mergola -. Alle quattro aule concesse ad uso degli studenti se ne aggiunge una per i professori oltre agli spazi esterni come terrazzo e campetti che abbiamo messo a disposizione qualora dovessero servire. Accogliere gli studenti è per noi un grande impegno oltre che una responsabilità ma in questa situazione di emergenza abbiamo comunque voluto partecipare e dare una mano anche se ciò ha inevitabilmente comportato alcuni interventi di manutenzione e la messa in sicurezza delle aree. La scuola è prioritaria, oggi più che mai, e noi vogliamo contribuire a costruire quei valori aggiunti che essa sa e deve dare ai giovani. La speranza è che questa nuova esperienza non si limiti all’utilizzo degli spazi ma che sia ponte e stimolo per costruire una rete di collaborazione tra scuola e oratorio anche a carattere culturale, educativo e formativo.”