Continua l’Ottobre missionario

La Veglia missionaria diocesana sarà giovedì 21 ottobre nella Cattedrale di Cuneo

“Quando sperimentiamo la forza dell’amore di Dio, quando riconosciamo la sua presenza di Padre nella nostra vita personale e comunitaria, non possiamo fare a meno di annunciare e condividere ciò che abbiamo visto e ascoltato”. Così Papa Francesco introduce il tema della Giornata missionaria mondiale.

La relazione di Gesù con i suoi discepoli, la sua umanità che ci si rivela nel mistero dell’Incarnazione, nel suo Vangelo e nella sua Pasqua ci mostrano fino a che punto Dio ama la nostra umanità e fa proprie le nostre gioie e le nostre sofferenze, i nostri desideri e le nostre angosce. Tutto in Cristo ci ricorda che il mondo in cui viviamo e il suo bisogno di redenzione non gli sono estranei e ci chiama anche a sentirci parte attiva di questa missione: “Andate ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli” (Mt 22,9). Nessuno è estraneo, nessuno può sentirsi estraneo o lontano rispetto a questo amore di compassione.

“Come ogni anno il cuore dell’Ottobre missionario è la celebrazione della Giornata missionaria mondiale domenica 24 ottobre“, dice don Mariano Riba, Direttore dell’Ufficio missionario della Curia diocesana di Cuneo. “Anche per una Chiesa in Sinodo, come le nostre Diocesi di Cuneo e di Fossano, questo appuntamento ci aiuta ad allargare l’orizzonte della fraternità universale della Chiesa per meglio ‘camminare insieme’, coinvolgendoci nella comunione con tutte le comunità cristiane sparse nel mondo, nell’impegno di solidarietà con le Chiese di più recente formazione e con quelle che soffrono persecuzione”.

Le proposte rivolte alle comunità, oltre alla celebrazione della Giornata missionaria mondiale, sono un momento di apertura e chiusura dell’Ottobre Missionario nella propria parrocchia o zona oppure la partecipazione agli appuntamenti diocesani.