Iscrizioni Estate Ragazzi: seconda e terza settimana

Cari amici dei Sale, ci siamo!

Dopo alcune (purtroppo poche) settimane di preparazione domani ci troverete ai nostri posti di divertimento pronti a iniziare questa nuova avventura!
Per chi si fosse iscritto solo dalla seconda settimana abbiamo una buona notizia: riusciamo a prendervi tutti! Purtroppo per ora riusciamo a garantire l’iscrizione solo per la seconda e la terza settimana, ma speriamo che nel frattempo altri volontari possano aggiungersi e che gli animatori possano conoscere le loro disponibilità con maggiore precisione.

Quindi, lunedì e giovedì, dalle 8 alle 9.30 e dalle 17.00 alle 18.45 le nostre mitiche segretarie vi attendono per completare le iscrizioni per quelle due settimane!

Continuate a seguire le news 😉

A presto!

Lo Staff

 

P.S. Gli iscritti dalla prima settimana possono essere accolti per tutte le settimane richieste

Estate Ragazzi: Prime informazioni certe

Squilla il telefono dell’oratorio. C’è un nuovo messaggio nella casella di posta elettronica. Una mamma entra nel cortile. In tempi “normali” nessuno di noi ci avrebbe trovato niente di strano, forse avrebbe addirittura sbuffato: l’ennesima richiesta di informazioni sull’Estate Ragazzi! In questi giorni, invece, non vi è stato nulla di più gradito.

La notizia più importante è che la nostra “Estate ai Sale” si farà. Le linee guida pubblicate dal Dipartimento per le politiche della famiglia e disciplinate dalla delibera della Giunta regionale permettono e, ovviamente, normano le attività dei centri estivi: “Tale prospettiva è stata perseguita ricercando il giusto bilanciamento tra il diritto alla socialità, al gioco ed in generale all’educazione dei bambini e degli adolescenti e, d’altra parte, la necessità di garantire condizioni di tutela della loro salute, nonché di quella delle famiglie e del personale educativo ed ausiliario impegnato nello svolgimento delle diverse iniziative.”

Se da una parte è innegabile l’entusiasmo di poterci tuffare in questa avventura, dall’altra siamo consapevoli che non saremo in grado di venire incontro alle esigenze di tutti. E questo ci dispiace. In questi anni, la nostra proposta ha sempre cercato di essere la più ampia e inclusiva possibile. Cercheremo di rimanere fedeli a questo obiettivo anche quest’anno, consapevoli che sarà molto più difficile, sempre nel rispetto assoluto delle norme che ci sono state consegnate.

L’Estate ai Sale 2020 comincerà il prima possibile (pur desiderando cominciare il 15 giugno, verosimilmente la partenza potrebbe slittare a lunedì 22 giugno o lunedì 29 giugno, a seconda delle direttive comunali che giungeranno) e terminerà venerdì 31 luglio. Al momento non siamo in grado di dire se riusciremo a offrire qualche attività in agosto mentre, compatibilmente con il nuovo calendario scolastico, proporremo la consueta settimana a inizio settembre.

La proposta sarà articolata, per ciascun ragazzo, su mezza giornata: o mattina (circa 8,30-12,30) o pomeriggio (circa 14,30-18,30). Un’Estate Ragazzi part-time, in sostanza, sulla base delle preferenze espresse dalle famiglie in sede di iscrizione.

Non ci sarà possibile, probabilmente, accogliere tutti i bambini e ragazzi che faranno la loro richiesta: vi è un numero massimo consentito, proporzionale alla capacità ricettiva della struttura in termini di spazi e di presenza di adulti responsabili. Tra i vari criteri per l’ammissione, saranno privilegiati coloro che richiederanno l’iscrizione per un numero maggiore di settimane: lo scopo è garantire, secondo le linee guida, l’organizzazione in piccoli gruppi (da 8 bambini per le elementari e da 10 per le medie/superiori), prestando attenzione a non variarne la composizione nell’arco del tempo. Mentre non è prevista alcuna priorità per le domande di iscrizione che giungeranno per prime in ordine di tempo.

Gli ingressi in oratorio per l’inizio dell’attività saranno scaglionati, sempre in presenza di un genitore o adulto responsabile del minore, e avverranno ad un orario preciso (anche questo, se possibile, in accordo con le esigenze familiari). Lo stesso discorso vale per l’uscita. Ci sarà un protocollo da seguire per la fase di accoglienza e l’obbligo per il minore di entrare in oratorio con la mascherina (e tenerla per gran parte delle attività, salvo rare eccezioni), sempre nel rispetto del distanziamento interpersonale.

Prossimamente, sarà disponibile sul sito www.salecuneo.it il form per la richiesta di iscrizione. Attenzione: Verrà indicata anche una data di chiusura per presentare le domande di iscrizione e dopo tale data non sarà più possibile iscriversi! Per ogni informazione, non esitate a contattarci.

Nonostante le difficoltà, i Sale di Cuneo non vedono l’ora di riaprire porte, portoni e cancelli, di vedere ripopolati campi e cortili, di sentire le urla e le musiche, di accompagnare i giovani nel divertimento e nella loro crescita personale. Alle spalle ci sostiene il gran lavoro di rete con il Comune, l’ASL, gli altri oratori e parrocchie della città, senza contare i tanti volontari che si rimboccheranno le maniche per farci vivere alla grande anche questa estate.

Gli animatori, a tempo di record, stanno lavorando su tutto ciò che ha da sempre caratterizzato la nostra ER: giochi, preghiere, momenti formativi, laboratori, balli, scenografie, uscite. Sarà diverso… ma saremo sempre noi! E sarà bellissimo!

 

P.S. Come state capendo la situazione è in costante evoluzione. Vi suggeriamo di seguire le news sul sito www.salecuneo.it, canale di informazione ufficiale dell’oratorio insieme alla pagina facebook “Sale Cuneo” e il profilo instagram “salecuneo”

Norme da rispettare per l’ingresso nella nostra Chiesa Parrocchiale

  • La capienza massima di questa chiesa è di 200 posti
  • Si possono occupare soltanto i posti indicati con il contrassegno rosso cominciando da quelli più vicini all’altare
  • Quando tutti i posti contrassegnati saranno occupati l’accesso verrà interdetto e si potrà seguire la Messa dall’esterno, in cortile.
  • Durante le celebrazioni non si può stazionare in piedi fuori dei posti indicati
  • Nei giorni feriali vanno occupati i banchi:
    • lato cappella per la S. Messa delle 7.00;
    • lato via Gobetti quella delle 8.30.
    • lato cappella quella delle 18.00.
  • I fedeli che partecipano alle celebrazioni devono indossare la mascherina che copre naso e bocca
  • Non è consentito partecipare alle celebrazioni con sintomi influenzali o con temperatura corporea pari o superiore a 37.5° C
  • Non è consentito partecipare alle celebrazioni a chi sia stato in contatto  con persone positive a SARS-CoV-2 nei giorni precedenti
  • La Comunione Eucaristica si riceve rimanendo in piedi al proprio posto, solo sulla mano

Corso animatori…in corso

Lo abbiamo rincorso, adesso è in corso.

Stiamo parlando del Corso con la C maiuscola, e cioè il Corso Animatori, che tradizionalmente ha luogo tra marzo e aprile ed è la prima boccata di aria estiva ad entrare in circolo nei polmoni delle ragazze e dei ragazzi delle scuole superiori.

Saltata, per evidenti motivi, la sua versione diocesana, che avrebbe coinvolto tutte le parrocchie, il Corso Animatori pensato qui ai Sale ha preso il via lo scorso 28 aprile e continuerà fino a fine maggio, sfociando poi nella preparazione più pratica di quelle che saranno le attività dell’estate 2020 (e tutti gli animatori hanno in cuore la speranza che una qualunque forma di attività si possa svolgere!).

Ovviamente, ciascun ragazzo è in collegamento da casa sua con il gruppo dei suoi coetanei e con i formatori (diversi per ogni serata). Accanto ad essi, la figura del tutor di “annata” (cinque, dal 2001 al 2005) segue il gruppo e i suoi componenti durante tutto il percorso. I temi trattati vanno dalle motivazioni di un animatore all’assistenza salesiana, dalla comunicazione al sistema preventivo di don Bosco. Bellissimo il momento finale in cui ci si ritrova tutti e 80 su un’unica piattaforma on line per la preghiera e gli immancabili avvisi di don Alberto.

Si diceva che non si sa cosa sarà dell’estate che verrà. Per questo è ancora più significativo vedere così tanti iscritti al Corso Animatori dei Sale; ragazzi che, comunque, in questi mesi di “lockdown”, non se ne sono stati con le mani in mano. Molti hanno contribuito al servizio di commissioni a domicilio “La spesa che non pesa” o alla distribuzione delle cosiddette borse viveri su tutto il territorio parrocchiale. I più grandi non si sono tirati indietro dal volontariato con i senza fissa dimora accolti in oratorio tutti i pomeriggi. Senza dimenticare gli impegni di studio e le nuove dinamiche familiari nate in questi mesi.

Il voler intraprendere adesso, “al buio”, il Corso Animatori non risponde dunque soltanto all’esigenza di socialità tipica dei giovani: c’è un desiderio profondo di “essere” animatori, e non semplicemente “fare” gli animatori. E per noi significa esserlo come avrebbe voluto don Bosco, non avendo paura di continuare a sognare in grande, per il futuro più o meno immediato; pensando in continuazione, anche adesso, ai bambini e ai ragazzi che fisicamente (e chissà per quanto) non riusciremo ad incontrare; affidandoli e affidandoci al Signore e, in questo mese di maggio, in particolare a Maria, la nostra mamma del cielo.

L’animazione ha segnato e continuerà a segnare ciascuno di noi, per vivere sin da ora, nel mondo, da buoni cristiani e onesti cittadini. Per noi essere animatori è una scuola di vita: ci insegna anzitutto l’attenzione ai più piccoli, in particolare i più poveri ed emarginati, e poi che il bene va fatto bene. Per questo ogni anno si ripete, con o senza Coronavirus, la bellissima tradizione del Corso Animatori.

 

Joy

Sono ripartiti i Gruppi Biennio e Triennio!

A più di un mese dall’ultima volta, in questo invernale inizio di primavera (che rende tutto ancor più surreale), ai Sale sono finalmente ripresi gli incontri per i ragazzi delle superiori, e cioè i gruppi biennio e triennio.

Tranquilli: non abbiamo infranto nessuna legge. Infatti non ci siamo visti in carne ed ossa (e chissà ancora per quanto non potremo farlo), ma con i potenti mezzi di comunicazione sociale che questi tempi, seppur difficili, ci mettono a disposizione. E se da una parte è una grazia poterli adoperare, dall’altra vogliamo rasserenare tutti: anche per noi giovani non è così semplice!

Uno dei nostri motti qui ai Sale è: “Chi non si forma si ferma”. E noi c’eravamo fermati, un po’ per lo sconcerto e lo spaesamento dei primi giorni, un po’ per capire esattamente come muoverci e come organizzarci. Ma adesso abbiamo ripreso, riscoprendo tanta voglia di stare insieme e di confrontarci, e andremo avanti finché potremo.

Vi aspettiamo quindi a triennio il martedì dalle 17.30 alle 19 e a biennio il mercoledì sempre dalle 17.30 alle 19! Dove? On Line in videochiamata!

NOVENA STRAORDINARIA a MARIA AUSILIATRICE

Torino 12 marzo 2020

Cari confratelli, cara Famiglia Salesiana, cari giovani!
In questi giorni guardandoci attorno e ascoltando le varie notizie siamo tutti mossi da vera
attenzione e compassione per ciò che sta accadendo attorno a noi, nelle nostre città e nei nostri
paesi.

Stando qui a Torino risuona forte nel mio cuore il racconto del 1854 in cui Don Bosco invita i giovani
di Valdocco ad “alzarsi in piedi” e dare una mano per l’epidemia del Colera.

Anche noi oggi non vogliamo restare seduti a guardare. Sento che questa sia l’occasione perché
come Famiglia possiamo alzare le nostre mani e la nostra preghiera al Padre per Intercessione di
Maria Ausiliatrice.

Invito tutta la Famiglia Salesiana a vivere una Novena Straordinaria a Maria Ausiliatrice nei prossimi
giorni dal 15 al 23 marzo e insieme il giorno 24 faremo una Consacrazione a Maria, nostra Madre e
Maestra. Questo mio invito va soprattutto a voi miei cari giovani!

don Ángel Fernández Artime
Rettor Maggiore

 

IL COLERA DEL 1854
Sul principio dell’agosto 1854 scoppiò in Torino il colera. Don Bosco l’aveva preannunziato, e già fin
dal mese di maggio aveva detto ai suoi giovani: – Quest’anno ci sarà il colera a Torino, e vi farà
grande strage; ma se voi farete ciò che vi dico, sarete salvi.
– E che cosa dobbiamo fare?
– Prima di tutto, vivere in grazia di Dio; poi, portare al collo una medaglia che io benedirò e darò a
tutti, e recitare un Pater, Ave e Gloria ad onore di S. Luigi.
I casi di colera salirono ben presto a cinquanta al giorno. In tre giorni superarono i 1400. La regione
più afflitta fu quella di Valdocco, ove si trovava appunto l’Oratorio; e mentre molte famiglie furono
interamente distrutte, dei giovani e del personale dell’Oratorio nessuno fu menomamente toccato,
quantunque una gran parte si fossero offerti di andare ad assistere i colerosi nelle case e nei
lazzaretti.
Don Bosco, che loro andava ripetendo: «Se non farete peccati, io vi assicuro che nessuno sarà
toccato», fu veramente profeta.

NOVENA STRAORDINARIA A MARIA AUSILIATRICE [dal 15 al 23 marzo]
Promossa da S. Giovanni Bosco

Don Bosco quando era richiesto di qualche grazia soleva rispondere: “Se volete ottenere
grazie dalla S. Vergine fate una novena” (MB IX, 289). Le disposizioni d’animo perché la novena sia
efficace sono per Don Bosco le seguenti:

1. Di non avere niuna speranza nella virtù degli uomini: fede in Dio.
2. La domanda si appoggi totalmente a Gesù Sacramentato, fonte di grazia, di bontà e di
benedizione. Si appoggi sopra la potenza di Maria che in questo tempio Dio vuole glorificare
sopra la terra.
3. Ma in ogni caso si metta la condizione del “fiat voluntas tua” e se è bene per l’anima di colui
per cui prega.

Recitare per nove giorni consecutivi
3 Pater, Ave, Gloria al Santissimo Sacramento con la giaculatoria:
Sia lodato e ringraziato in ogni momento il Santissimo e Divinissimo Sacramento.
3 Salve o Regina…con la giaculatoria: Maria, aiuto dei cristiani, prega per noi.

Ricordati, o piissima Vergine Maria, che non si è mai udito
che qualcuno sia ricorso alla tua protezione, abbia implorato il tuo patrocinio e domandato il tuo
aiuto, e sia rimasto abbandonato.
Sostenuto da questa fiducia, mi rivolgo a te, Madre, Vergine delle vergini.
Vengo a te, con le lacrime agli occhi, colpevole di tanti peccati,
mi prostro ai tuoi piedi e domando pietà.
Non disprezzare la mia supplica, o Madre del verbo,
ma benigna ascoltami ed esaudiscimi. Amen.

 

Preghiera per la liberazione dal Coronavirus

Dio onnipotente ed eterno,
dal quale tutto l’universo riceve l’energia, l’esistenza e la vita,
noi veniamo a te per invocare la tua misericordia,
poiché oggi sperimentiamo ancora la fragilità della condizione umana
nell’esperienza di una nuova epidemia virale.

Noi crediamo che sei tu a guidare il corso della storia dell’uomo
e che il tuo amore può cambiare in meglio il nostro destino,
qualunque sia la nostra umana condizione.
Per questo, affidiamo a te gli ammalati e le loro famiglie:
per il mistero pasquale del tuo Figlio
dona salvezza e sollievo al loro corpo e al loro spirito.

Aiuta ciascun membro della società a svolgere il proprio compito,
rafforzando lo spirito di reciproca solidarietà.
Sostieni i medici e gli operatori sanitari,
gli educatori e gli operatori sociali nel compimento del loro servizio.

Tu che sei conforto nella fatica e sostegno nella debolezza,
per l’intercessione della beata Vergine Maria e di tutti i santi medici e guaritori,
allontana da noi ogni male.

Liberaci dall’epidemia che ci sta colpendo
affinché possiamo ritornare sereni alle nostre consuete occupazioni
e lodarti e ringraziarti con cuore rinnovato.
In te noi confidiamo e a te innalziamo la nostra supplica,
per Cristo nostro Signore. Amen

 

CONSACRAZIONE del mondo A MARIA AUSILIATRICE [24 marzo]

Santissima ed Immacolata Vergine Maria,
Madre nostra tenerissima e potente aiuto dei Cristiani,
noi ci consacriamo interamente a te, perchè tu ci conduca al Signore.
Ti consacriamo la mente con i suoi pensieri il cuore con i suoi affetti,
il corpo con i suoi sentimenti e con tutte le sue forze,
e promettiamo di voler sempre operare alla maggior gloria di Dio
e alla salvezza delle anime.
Tu intanto, o Vergine incomparabile,
che sei sempre stata la Madre della Chiesa e
l’Ausiliatrice del popolo cristiano,
continua a mostrarti tale specialmente in questi giorni.
Illumina e fortifica i vescovi e i sacerdoti
e tienili sempre uniti e obbedienti al Papa,
maestro infallibile;
accresci le vocazioni sacerdotali e religiose affinché,
anche per mezzo loro,
il regno di Gesù Cristo si conservi tra noi
e si estenda fino agli ultimi confini della terra.
Ti preghiamo ancora, dolcissima Madre,
di tenere sempre rivolti i tuoi sguardi amorevoli sopra i giovani
esposti a tanti pericoli,
e sopra i poveri peccatori e moribondi.
Sii per tutti, o Maria, dolce Speranza, Madre di misericordia,
Porta del cielo.
Ma anche per noi ti supplichiamo, o gran Madre di Dio.
Insegnaci a ricopiare in noi le tue virtù,
in particolar modo l’angelica modestia,
l’umiltà profonda e l’ardente carità.
Fa’, o Maria Ausiliatrice, che noi siamo tutti raccolti
sotto il tuo manto di Madre.
Fa’ che nelle tentazioni ti invochiamo subito con fiducia:
fa’ insomma che il pensiero di te sì buona, sì amabile, sì cara,
il ricordo dell’amore che porti ai tuoi devoti,
ci sia di tale conforto da renderci vittoriosi contro i nemici dell’anima nostra,
in vita e in morte, affinché possiamo venire a farti corona nel bel Paradiso.
Amen.

In dialogo con il Signore… anche on-line – AGGIORNAMENTO

Per aiutare la nostra comunità a vivere questo tempo di Quaresima nel contesto della quarantena dovuta al Coronavirus, pensiamo di far cosa gradita di trasmettere su Facebook “Sale Cuneo” i momenti liturgici della nostra comunità religiosa:

  • dal lunedì al sabato alle 8 la liturgia delle lodi, segue la Santa Messa
  • alla sera alle 19.15 la liturgia del Vespro con un pensiero di buonanotte
  • alla domenica alle 9.30 la liturgia delle lodi, a seguire la Santa Messa festiva
  • al venerdì alle ore 15 trasmetteremo la Via Crucis
  • ogni giorno alle 17 su Instagram “salecuneo” l’appuntamento con la preghiera dal cortile dell’oratorio

Il nostro Vescovo, mons. Piero Delbosco, autorizza i sacerdoti a portare la comunione agli ammalati e agli anziani a domicilio su richiesta nel rispetto delle indicazioni sanitarie. Naturalmente possono riceverla anche i familiari.

La Chiesa è sempre aperta per la preghiera personale dalle 7 alle 21 e, per chi lo desidera, per un colloquio o la celebrazione del sacramento della riconciliazione con un sacerdote.

AGGIORNAMENTI

In questo tempo di silenzio, le campane delle nostre parrocchie della città suoneranno ogni sera alle ore 19 per un invitarci ad un momento di preghiera e di raccoglimento nelle nostre case. Non possiamo pregare nello stesso luogo, ma possiamo pregare nello stesso momento! La condivisione della preghiera ci unirà ancor più e permetterà al Signore di operare nei nostri cuori! Vi invitiamo a dire o la Novena a Maria Ausiliatrice, o una decina del rosario, o anche “solo” un Padre nostro e un’Ave Maria!

Per quanto riguarda la Novena, il Rettor Maggiore don Angel Fernandez Artime ha chiesto a tutto il mondo salesiano di viverla in vista del 24 marzo per chiedere la liberazione dal Covid-19. Ecco qui il link.

prova eventi

Al via il laboratorio di Ballo!

La Sale Academy attiva un corso di ballo. Sarà tutti i venerdì dalle 17:30 alle 19 e partirà il 17 gennaio. La fine è prevista ai primi di giugno con lo spettacolo conclusivo di tutti i corsi della Sale Academy.

L’iscrizione si potrà fare nella segreteria dell’oratorio (aperta dal lunedì al giovedì dalle 16:30 alle 18:30) da lunedì 16 a giovedì 19 dicembre, e poi ancora a gennaio da martedì 7 a giovedì 16. Il costo dell’iscrizione è di 50€, da pagare sul momento e poi eventualmente restituiti se si decidesse entro le prime due lezioni di non proseguire.

Il corso si rivolge a bambini e ragazzi di ogni età. La materia del corso sarà varia: un’infarinatura di base di diversi stili, con una particolare attenzione al contemporaneo.