Salviamo la Casa per Ferie a San Giacomo di Entracque

In questo periodo di chiusura delle attività per via della pandemia in corso, ci stiamo impegnando per accogliervi di nuovo in completa sicurezza presso la Casa per Ferie di San Giacomo ad Entracque. Grazie ad una serie di interventi necessari per adeguare la struttura alle normative vigenti riguardanti l’ospitalità, potremo continuare a vivere le attività dell’Oratorio. Abbiamo già ottenuto l’autorizzazione agli scarichi e siamo intervenuti, come richiesto dai Vigili del Fuoco, per aumentare la resistenza al fuoco dei solai con la stesura di una particolare pittura protettiva detta “intumescente” con relativa protezione dell’impiantistica passante tra il piano terra e il piano primo.

Stiamo ora proseguendo con l’aggiornamento del sistema antincendio. Tale aggiornamento comporta la realizzazione di un nuovo sistema a potenziamento di quello esistente. Esso sarà costituito da un gruppo pompe con serbatoio per portare la pressione dell’acqua ai livelli richiesti dalla normativa antincendio. Il nuovo sistema troverà spazio nella vecchia costruzione, un tempo realizzata per il deposito del bombolone GPL e posta nel cortile retrostante al fabbricato principale. Con questa intenzione stiamo predisponendo le pratiche edilizie in questa particolare area vincolata sia a livello paesaggistico sia a livello monumentale. Una volta ottenute tutte le autorizzazioni, realizzeremo i lavori impiantistici ed edilizi alla riapertura della strada per San Giacomo. Il locale tecnico in questione verrà quindi modificato per accogliere la nuova impiantistica. Procederemo poi con il successivo aggiornamento catastale dei fabbricati.

Detto ciò, le spese non mancano! A oggi abbiamo già speso circa € 25.000,00 nel 2020 per i primi interventi. Ne dovremo spendere ancora circa € 26.000,00 per i lavori di adeguamento alla normativa di prevenzione incendi (allestimento pompa, serbatoio acqua, pratiche e manodopera). Se questi lavori non verranno fatti, la Casa non potrà più riaprire perché non otterrebbe il certificato di prevenzione incendi.

Per aiutarci nell’impresa puoi contribuire attraverso una donazione sul seguente conto corrente bancario

IBAN dell’Oratorio Salesiano don BoscoIT86X0306909606100000112484  causale: offerta lavori prevenzione incendi oppure con offerte in busta chiusa con scritto “per San Giacomo”.

Per tutti i dettagli puoi rivolgerti a don Mauro, parroco, o all’arch. Valerio Graffino.

SOS San Giacomo: come possono contribuire le imprese?

E’ iniziata la campagna di raccolta fondi per i lavori da fare per ottenere il certificato prevenzione incendi della nostra casa alpina di San Giacomo d’Entracque. Qui di seguito trovate le indicazioni per le imprese che desiderano contribuire con un’erogazione liberale con la possibilità di godere delle detrazioni fiscali.

Ai sensi dell’art. 100 comma 2 lettera a) del testo Unico delle imposte sui redditi D.P.R. 22-12-1986 n. 917, è previsto:

a) il meccanismo delle deduzione (fino al 2% del reddito d’impresa);

b) che le erogazioni debbano essere effettuate tramite banca. Il cedolino del bonifico effettuato, che rimane in possesso del benefattore, rende inutile il rilascio di qualsiasi dichiarazione da parte dell’ente Oratorio Salesiano don Bosco..

L’iban dell’Oratorio Salesiano don Bosco 

IT86X0306909606100000112484

Nella causale del bonifico bancario andrà indicato: “EROGAZIONE LIBERALE A FAVORE DELL’ENTE “ORATORIO SALESIANO DON BOSCO” PER SAN GIACOMO” .

Facciamo girare la voce. San Giacomo è una risorsa per tutta la comunità dei Sale e per il territorio di Cuneo.

I Sale su Telecupole

Domenica 17 gennaio, dalle 10,30, la S. Messa dei Sale sarà su Telecupole.

Riprenderà il segnale da youtube.

Qui di seguito trovate il promo di don Alberto.

 

RIPARTIAMO!!!

Dopo un po’ di (forzate) vacanze, il cortile è finalmente tornato disponibile e aperto a tutti da lunedì 11 gennaio 2020!

Il periodo faticoso che stiamo vivendo non è ancora terminato, pertanto per riuscire a rispettare le norme che ci permettono di accogliervi in cortile vi chiediamo ancora alcuni piccoli sforzi…

ormai li conosciamo e ci stiamo tutti abituando…

Quindi…

MASCHERINA: sempre e ovunque 🙂

DISTANZA: il solito metro 🙂

MANI: sempre ben igienizzate, più volte nel tempo passato in cortile, prima di entrare e all’uscita 🙂

MODULI: ben compilati da mamma e papà se siete minorenni, ben compilati e firmati da voi se avete superato i 18 anni. Non dimenticateli a casa, altrimenti vi toccherà tornare indietro a riprenderli prima di accedere al cortile. 🙂

Ad accogliervi ci saremo sempre noi educatori, Suor Bruna e Don Alberto più i fantastici animatori e le mitiche volontarie dalle quali dovrete fermarvi per il TRIAGE (consegna modulo e misurazione temperatura): mettetevi in coda alla giusta distanza e attendete di essere chiamati 😉

noi ci RI-siamo… e voi???

Staff

PS qui potrete scaricare tutta la modulistica che vi serve:

MODULO ISCRIZIONE ATTIVITÀ’ DELL’ORATORIO – INFORMATIVA PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI: è un documento unico che iscrive i ragazzi a tutte le attività dell’oratorio e autorizza il trattamento dei loro dati personali (privacy). Questo documento va compilato una sola volta e consegnato in oratorio la prima volta che passate di qui.

PATTO DI CORRESPONSABILITA’ TRA L’ENTE GESTORE E LE FAMIGLIE: anche questo documento va compilato una sola volta e consegnato in oratorio la prima volta che passate di qui.

SCHEDA DI PRE-TRIAGE QUOTIDIANA: questo documento, invece, andrà stampato, compilato e consegnato ad ogni ingresso dei ragazzi in oratorio.

 

Fede e politica – NonPiùTeenagers

L’8 gennaio il gruppo Non Più Teenagers (NPT) dell’oratorio Don Bosco di Cuneo si è incontrato con gli esponenti politici Monica Canalis (consigliere regionale), Mino Taricco (senatore della Repubblica) e Alberto Valmaggia (ex Sindaco di Cuneo con diversi ruoli anche in Regione) per discutere insieme del rapporto tra fede cristiana e politica. Binomio assai particolare non soltanto di per sé, ma anche per la peculiarità degli interlocutori: da una parte il gruppo NPT, composto da studenti universitari e giovani lavoratori, una categoria spesso “bistrattata” dalla politica attuale, ritenuta sacrificabile rispetto ad altre, e spesso vittima di scelte miopi; dall’altra tre personalità che, ognuna con le proprie storie e peculiarità, dimostrano come la politica seria, vissuta come servizio alla comunità, coerente con la fede cristiana e in cerca di dialogo, non solo è possibile ma già esiste. L’incontro è stato anche un’occasione per ricordare che scetticismo e indifferenza generalizzati non sono una soluzione né ai problemi dalla politica che siamo abituati a sentire dai telegiornali, né tanto meno ai problemi della società che ci circonda: politica è soprattutto mettersi al servizio del bene comune (che è anche nostro). Buona politica è una declinazione dell’“essere buoni cristiani e onesti cittadini” di Don Bosco, è ogni azione concretamente rivolta a rispondere ai bisogni dell’altro e del bene comune.

Cresime e Prime Comunioni anno 2021

Celebrazione dei sacramenti dell’Iniziazione cristiana nel 2021

Il protrarsi dell’emergenza sanitaria non deve impedire ai bambini e ai ragazzi di riprendere e completare il cammino dell’Iniziazione cristiana, anche celebrando i sacramenti. Pertanto, è opportuno che i parroci programmino adeguatamente la ripresa dei percorsi, le Cresime e le Prime Comunioni nell’anno 2021, pure per chi avrebbe dovuto riceverli nel 2020, tenendo conto delle seguenti indicazioni.

  1. Ogni parroco, dopo un’adeguata programmazione con i catechisti, può organizzare gli incontri di catechesi con i bambini e i ragazzi, eventualmente anche in modalità a distanza, senza però rinunciare del tutto agli incontri in presenza. Se svolti nei locali parrocchiali, in piccoli gruppi, tali incontri devono rispettare il protocollo sanitario indicato dall’Ufficio per i problemi giuridici della Conferenza Episcopale Italiana; se svolti in chiesa, sotto forma di celebrazioni comunitarie, è sufficiente rispettare le Norme per le celebrazioni con il popolo in tempo di pandemia.
  2. Cresime e Prime Comunioni, comunque inserite nell’Eucaristia, meglio se domenicale o della vigilia, devono rispettare le Norme per le celebrazioni con il popolo in tempo di pandemia: pertanto, sono sempre possibili, pure quando vigono le restrizioni più rigide, salvo venisse di nuovo imposto un divieto generale di celebrare con il popolo; tuttavia, andranno programmate in modo da rispettare la capienza massima delle chiese, e dunque, dove il numero dei fedeli coinvolti è elevato, si dovranno prevedere più celebrazioni, limitando i famigliari da coinvolgere.
  3. Programmando Cresime e Prime Comunioni, il parroco, dopo un confronto con i catechisti e i genitori, potrà scegliere il periodo dell’anno più opportuno. È bene, tuttavia, prediligere i mesi di aprile, maggio e giugno, considerando l’intrinseco legame di tali sacramenti con il tempo di Pasqua. Tenendo in considerazione, inoltre, il possibile evolversi della pandemia, va chiarito subito con le famiglie che le celebrazioni si terranno comunque, anche se vigessero le restrizioni più rigide, soprattutto qualora volesse programmarle già nei primi mesi dell’anno: pertanto, si dovrà mettere in conto che i famigliari domiciliati in altri comuni non possano partecipare, come pure potrà essere necessario rinviare ad altra data i tradizionali pranzi o cene che seguono la celebrazione dei sacramenti.
  4. La celebrazione di Cresime e Prime Comunioni, per chi avrebbe dovuto riceverli nel 2020, deve essere preceduta da almeno tre incontri di preparazione in presenza, invitando le famiglie interessate a riprendere soprattutto una partecipazione attiva e consapevole all’Eucaristia domenicale. Per i gruppi che devono ricevere i sacramenti nel corrente anno, si potranno programmare le celebrazioni nel contesto del regolare svolgimento del percorso di iniziazione cristiana previsto.
  5. Le Prime Comunioni devono essere precedute dalla celebrazione della Penitenza con confessione individuale, che può essere programmata nell’ambito degli incontri preparatori in piccoli gruppi o di una celebrazione comunitaria della Penitenza riservata soltanto ai bambini che riceveranno la Prima Comunione e per i loro genitori. Pure per i cresimandi è opportuno prevedere prima della Cresima una celebrazione della Penitenza con confessione individuale, coinvolgendo anche i genitori.

Cuneo – Fossano, 7 gennaio 2021

+ Piero Delbosco
Vescovo di Cuneo e di Fossano

Celebrazioni dei sacramenti per i ragazzi

A seguito delle indicazioni del vescovo Piero, con le catechiste abbiamo stabilito le modalità e i tempi per la celebrazione della Messa di prima comunione e per le Cresime, tenendo conto delle vigenti norme per la tutela da contagio da Covid19.
a
Cresime
Domenica 7 febbraio alle ore 16 (gruppi di suor Bruna e di Cristina) e domenica 14 febbraio (gruppo di Nuccio e Federico-Flucio)  alle ore 16,00 ci sarà la S. Messa con la cresima dei ragazzi dei ragazzi di 1a superiore (sono coloro i quali avrebbero dovuto ricevere la cresima lo scorso mese di aprile.
Domenica 23 maggio (gruppo di Chiara e Mari) alle ore 16  e domenica 30 maggio 2021 (gruppi di Patrizia, Raffaella e Norma) alle ore 16,00 ci sarà la S. Messa con la cresima dei ragazzi di terza media.
a
Prime Comunioni (quinta elementare)
domenica 11 aprile alle 16 il gruppo di quinta elementare di Silvia, preparazione sabato 10 dalle 15 alle 16,30
domenica 18 aprile alle 16 il gruppo di Barbara e di Stefania, preparazione sabato 17 dalle 15 alle 16,30
domenica 25 aprile alle 16 il gruppo di Rosanna, preparazione sabato 24 dalle 15 alle 16,30
a
Prime Comunioni (quarta elementare)
domenica 2 maggio alle ore 16 il gruppo di suor Dorotea, preparazione sabato 1 dalle 15 alle 16,30
domenica 9 maggio alle ore 16 il gruppo di Enza,  preparazione sabato 8 dalle 15 alle 16,30
domenica 16 maggio alle ore 21 il gruppo di Franca,  preparazione sabato 15 dalle 15 alle 16,30
a
Prime confessioni 
domenica 21 febbraio alle ore 14,30 e S. Messa ore 16,00 (quarta elementare)
domenica 14 marzo alle ore 14,30 e S. Messa ore 16 (terza elementare)

Gli auguri di un Santo Natale, di don Leonardo Mancini, Ispettore dei Salesiani di Piemonte Valle d’Aosta e Lituania

Don Leonardo Mancini, Ispettore dei Salesiani di Piemonte Valle d’Aosta e Lituania, per questo Natale ha desiderato fare gli auguri con un messaggio video rivolto ai confratelli, ai laici corresponsabili nella missione, ai membri della Famiglia Salesiana ed ai giovani tutti.

Pubblicato il bando di selezione per operatori volontari di servizio civile 2021

Il BANDO DI SELEZIONE PER OPERATORI VOLONTARI DI SERVIZIO CIVILE 2021 è stato pubblicato.

Salesiani per il Sociale APS in Piemonte e Valle d’Aosta mette a disposizione 144 posti per i giovani tra i 18 e i 29 anni in 8 progetti su 57 sedi. Gli ambiti di intervento dei progetti si svolgono con bambini, ragazzi e giovani e si sviluppano nelle aree di ASSISTENZA E INCLUSIONE SOCIALE – EDUCAZIONE E ANIMAZIONE – FORMAZIONE – DOPOSCUOLA – PROMOZIONE CULTURALE.

Alcune informazioni di base per partecipare al Bando:

  • C’è tempo fino al giorno 8 febbraio per candidarsi.
  • Candidature ESCLUSIVAMENTE ONLINE su piattaforma DOL.
  • E’ necessario munirsi di SPID.
  • L’avvio presunto è in aprile 2021.
  • Età 18 -29 anni non compiuti al momento della presentazione della domanda.

Verranno realizzati degli Infoday online di presentazione dei progetti e si offrirà un tutoring online individuale per l’orientamento:

Strenna del Rettor Maggiore per il 2021

Come faceva don Bosco, don Angel Fernandez Artime, Rettor Maggiore, all’inizio del nuovo anno ci regala una strenna, un messaggio, che possa ravvivare la nostra spiritualità salesiana sul grande dono della virtù della speranza.
Facciamolo nostro per essere riflesso della luce di Cristo.