Casa è comunità, comunità è casa − NonPiùTeenagers

Nella serata di venerdì 9 aprile 2021 gli universitari e lavoratori si sono riuniti per discutere in merito al concetto di comunità e territorio. L’incontro è avvenuto in modalità telematica e ha visto come ospiti tre rappresentanti de La.B.O.A, progetto realizzato in sinergia con il comune di Cuneo: Danilo Costamagna, Gianluca Giorgis e Denise Cavallo.

Denise Cavallo ha aperto il dibattito, soffermandosi sui luoghi che rappresentano “casa” e sul significato che reca con sé. Si è chiesto, pertanto, di condividere delle foto: è emerso che il concetto di “casa” racchiude gli amici e le esperienze legate ad un determinato posto, ma anche luoghi che evocano ricordi, memorie, sensazioni di serenità e tranquillità; per qualcuno “casa” richiama l’estate e i momenti inaspettati nei quali si imbastiscono nuovi legami. Tuttavia “casa” non è soltanto il posto fisico, ma anche le persone che si incontrano, dunque per tanti il luogo dove ci si riconosce al sicuro coincide con l’oratorio, dal momento che rappresenta una parte importante del percorso di vita. “Casa” rimanda a sensazioni connesse a luoghi e a persone, a comunità e a radici che si rafforzano.

A tal proposito si è posta l’attenzione sul senso di comunità, sulle relazioni e su quali sono gli elementi caratterizzanti la comunità, ossia che fanno sentire parte di una comunità. Tra i principali si sono citati: coinvolgere ed essere coinvolti, in modo da svolgere un ruolo di partecipante attivo e non di spettatore; la quotidianità, ovvero quando le relazioni che si costruiscono si vivono ogni giorno; la condivisione di obiettivi, valori e di punti di forza, in un’ottica di supporto nelle difficoltà, al fine di creare una rete solidale; la fratellanza, in sintonia con le relazioni e la quotidianità; riconoscere gli altri come persone con le proprie peculiarità e non soltanto come individui privi di personalità; il dialogo e le relazioni che superano le barriere generazionali: sentirsi parenti nonostante non vi sia un legame di sangue; esprimere la propria idea senza il timore di sentirsi giudicati.

Sulla base di queste riflessioni si è passati a definire il concetto di comunità, che ha orizzonti ampi: parte dall’intimità ma si può estendere a luoghi lontani. In riferimento alle proposte emerse dalla discussione, la comunità si può intendere come un insieme di persone con elemento fondante le relazioni attive, che implicano il coinvolgimento e la partecipazione. Inoltre si può parlare di fusione di interessi e obiettivi comuni, una fratellanza nella quale ci si distingue come persone e ci si può sentire liberi nella crescita e nella realizzazione personale. Ciononostante la comunità racchiude anche le generazioni passate che ci accompagnano nel percorso di vita, ossia un prendersi cura dell’altro. La definizione accademica è che la comunità si caratterizza per un insieme di persone legate da rapporti sociali, linguistici e morali, interessi e consuetudini comuni e vincoli organizzativi. Ognuno di noi fa parte di diverse comunità: ci riconosciamo parte di tante comunità in quanto è insito nell’uomo trovare luoghi in cui si sta bene e in cui si è sereni, anche se talvolta provocano sensazioni di vuoto e mancanza.

Il progetto La.B.O.A si occupa di sviluppo di comunità: ha come intento attivare i cittadini all’interno della città di Cuneo, collaborando con le varie comunità. Lo sfondo è il territorio e l’obiettivo è realizzare attività attraverso il dialogo e l’incontro di più voci, che sono da intendersi come scambio, il quale porta con sé arricchimento e valore aggiunto. Si discute di idee da concretizzare per gli abitanti che appartengono alla comunità e che risiedono sul territorio, ovvero cosa possiamo mettere in piedi per animare la città e ciò che ci sta attorno.

Anche noi, come giovani e cittadini, siamo chiamati a partecipare attivamente per il bene che possiamo realizzare.

Annalisa